16 Marzo 2018

Sensory Diet

Cosa si intende per “Sensory diet”?

La SD è una combinazione di input sensoriali (attività sensori-motorie) che “assistono” il Sistema Nervoso Centrale a raggiungere lo stato ottimale di arousal, ovvero quella condizione in cui il cervello è in grado di poter rispondere adeguatamente alle richieste ambientali grazie al giusto “stato di allerta”. Questo porta il bambino ad essere presente,  attento, organizzato, a interagire con l’altro senza manifestare reazioni di “evitamento” o “ricerca” di stimoli (due condizioni opposte che si possono verificare in bambini con difficoltà di modulazione sensoriale e autoregolazione).

Come può risultare efficace una SD ?

Solo con la frequenza, costanza, intensità e continuità del trattamento IN TUTTI I CONTESTI DI VITA DEL BAMBINO, all’interno di un approccio “globale” di cornice evolutiva.

Valutazione

La valutazione è un processo importante. Essa deve avvenire in diversi contesti di vita del bambino (scuola, casa, sessioni di terapia domiciliare, osservazione clinica in contesto di valutazione).

Gli obiettivi principali sono:

  1. Individuare il tipo di difficoltà di modulazione del bambino (“Quale arousal?”)
  2. In quali momenti della giornata applicare la SD

 

Necessario il monitoraggio a distanza di 1 o 2 mesi.

A seconda del tipo di arousal esiste un protocollo da seguire e le attività vengono scelte in base al profilo individuale del bambino e alle attività di routine quotidiana.

Per info e costi contattare la Dott.ssa Rossana Giorgi

Richiedi informazioni

Potrebbero interessarti

BAMBINO TRISTE
22 Marzo 2019

Breve racconto su Spencer: bambino con un Disturbo di Processazione Sensoriale

Grazie all’autorizzazione dell’autore di questo articolo, Carol Stock Kranowitz, sono felice di condividere questo breve racconto nella speranza che possa far riflettere il lettore sull’individualità di ognuno dei nostri bambini, su come conoscere, rispettare e seguire l’iniziativa del bambino sia fondamentale per sviluppare la relazione. Una relazione armonica, sintonizzata...

CAPD
19 Febbraio 2018

DISTURBI DELL’ ELABORAZIONE UDITIVA CENTRALE (CENTRAL AUDITORY PROCESSING DISORDER)

L’elaborazione uditiva è la capacità del cervello di distinguere e attribuire significato agli stimoli sonori. Rappresenta il punto di incontro tra udire e comprendere. Una corretta elaborazione uditiva richiede l’integrazione di varie abilità: ascoltare, comprendere, interpretare, esprimere. I Disturbi dell’ elaborazione uditiva centrale (CAPD-Central Auditory Processing Disorder), rappresentano un’entità...

sensory
13 Giugno 2017

Attività Sensoriali da fare a casa

Arrampicarsi e fare lavori pesanti   Saltare su e giù dal divano Tuffarsi dentro cuscini Camminare o gattonare sopra cuscini Gioco della carriola Tiro alla fune   Giochi di movimento   Altalena con lenzuola o coperte Giocare a fare l’aeroplano tra le braccia di mamma e papà Rotolare sul...