17 Giugno 2017

TOE WALKING (CAMMINATA IN PUNTA DI PIEDI)

E’ molto comune vedere bambini piccoli che camminano in punta di piedi, fino all’età di tre anni. Ma ci sono bambini che continuano a mantenere questa tendenza anche sopra i 5 anni. Questo comportamento può essere la spia di un’errata processazione di stimoli sensoriali a livello cerebrale.

Il “Toe walking” può essere un segno di una disfunzione nel sistema vestibolare, che è legato alla coordinazione e all’equilibrio. Se il sistema vestibolare non funziona correttamente, vedremo sintomi come toe walking, problemi comportamentali o difficoltà di apprendimento in classe.

Questi sono alcuni dei segnali che si possono riscontrare nel bambino a scuola :

  • Ha bisogno degli occhiali in giovane età, tipicamente all’età di 3-6 anni  (si presenta come un problema della vista)
  • spesso dice “huh” o ” cosa”? come se non ascoltasse le istruzioni che dà la maestra
  • ha difficoltà a copiare informazioni dalla lavagna sul foglio
  • ha difficoltà nella lettura e ha bisogno di sbattere le palpebre frequentemente per rimettere a fuoco gli occhi sulla pagina
  • spesso è scoordinato , ha difficoltà nell’equilibrio e inciampa nei mobili o nei banchi a scuola

 

CAUSE

 

Disfunzione a livello del sistema vestibolare

 

In alcuni bambini la causa è a livello dell’orecchio interno. Il sistema vestibolare situato nell’orecchio interno ha ,infatti, il compito di fornire informazioni al cervello sulla posizione e il  movimento. Se queste informazioni non vengono trasmesse correttamente, il cervello può non rendersi conto che i piedi non stanno camminando nel modo giusto. Questi bambini possono beneficiare di una terapia basata su vari tipi di movimento.

 

Mancata integrazione di stimoli tattili

 

Ad esempio, se il vostro bambino è ipersensibile al tatto, potrebbe evitare di appoggiare i talloni perchè questa sensazione gli procura disagio. In genere questi bambini hanno anche difficoltà a indossare calzini, scarpe e a camminare a piedi nudi. Questa categoria di bambini beneficia di una terapia  di stimolazione tattile.

 

Presenza di Riflessi Primitivi non integrati

 

Ad esempio la presenza di un Riflesso Plantare trattenuto può essere causa di toe walking

 

COME SI PUÒ INTERVENIRE?

 

Ci sono diversi esercizi che si possono fare a casa che possono aiutare non solo a camminare appoggiando i talloni, ma a migliorare il  funzionamento del sistema vestibolare del vostro bambino:

 

 Usare le Pinne

 

Perchè le pinne da subaqueo sono create per camminare appoggiando prima il tallone e poi la punta.

 

Marciare

 

Perchè marciare è un’azione che richiede che tutto il piede venga a contatto con il suolo. Può essere fatto all’interno di un gioco, usando la musica o cantando canzoni .

 

Camminare in collina o comunque su piani inclinati

 

Scarpe

 

Potete comprare scarpe con ruote sui talloni, perchè per poterle usare devono appoggiare i talloni.

 

Camminare a piedi nudi

 

E’ utile infatti far camminare il bambino a piedi nudi su vari tipi di superficie, affinchè possa apprezzare consistenze diverse.

Richiedi informazioni

Potrebbero interessarti

1979573_228949443942460_3212508542462114511_n
14 ottobre 2018 - 15 ottobre 2018
{Evento terminato}

CORSO PRATICO DI TERAPIA DI INTEGRAZIONE SENSORIALE CON ALEX LOPICCOLO

Il 14 e 15 Ottobre 2018, a Livorno, presso il “Centro evoluzione bambino”, si terrà un evento unico aperto ad un massimo di 30 partecipanti.   Alex Lopiccolo (cliccare per visitare il suo sito), detto “The king of swing”, Occupational Therapy Assistant americano, specializzato nella Terapia di Integrazione Sensoriale e nel...

shaking-hands-2499612_1920
3 Settembre 2018

Cercasi Professionista

Cercasi professionista DIR e SIT certificata o in formazione, disposto/a a formarsi autonomamente tramite corsi DIR-SIT, certificazioni, supervisioni, PER CONDIVIDERE IL MIO CENTRO.  Sono disposta a condividere il materiale , l’attrezzatura ed eventualmente, in caso di competenza ECCELLENTE, prendere in carico insieme le famiglie, causa lista di attesa e aumento...

funzioni esecutive
13 Maggio 2018

FUNZIONI ESECUTIVE: IL CENTRO DI COMANDO DEL CERVELLO

Il termine Funzioni esecutive (FE) viene utilizzato per indicare funzioni corticali e sotto corticali superiori deputate al controllo e alla pianificazione del comportamento. Rappresentano un set di abilità mentali che agiscono come il centro di comando del cervello, indispensabili per affrontare situazioni nuove.  Esse permettono, infatti, ad un individuo,...