7 Settembre 2017

IMPORTANZA DEL CONTROLLO POSTURALE NELL’APPRENDIMENTO

Sistemi neurologici diversi si sviluppano per far si che abilità come camminare, gattonare, parlare e usare le mani, vengano automatizzate dal bambino allo scopo di portare a termine compiti di facile esecuzione. Di conseguenza, noi, ad esempio, ci grattiamo il viso, o camminiamo attraverso una stanza, con uno sforzo di cui siamo molto poco consapevoli. Questo consente alle aree cerebrali “superiori” di focalizzarsi su compiti più complessi come l’apprendimento.

Un’altra abilità che il nostro corpo mantiene a livello subconscio è il controllo della postura. La maggior parte delle persone può assumere una posizione seduta o eretta in maniera automatica, senza alcuno sforzo, poichè si tratta di movimenti che vengono compiuti in modo naturale. Ma alcuni soggetti, specialmente bambini, non hanno forza sufficiente a livello dei muscoli del “core” (formato da muscoli del pavimento pelvico, trasverso dell’addome, multifido,retto dell’addome, obliqui interni ed esterni, erettore spinale, diaframma, grande dorsale, grande gluteo e trapezio). Quando la stabilità del “core” è compromessa, l’apprendimento del bambino non avviene più in modo automatico, perchè  compiti che non dovrebbero richiedere alcuno sforzo, diventano di difficile esecuzione e questo si ripercuoterà inevitabilmente sull’apprendimento. Qualunque cosa che, infatti, richiede un’attenzione costante da parte del bambino, gli impedirà di focalizzarsi su compiti più complessi come, ad esempio, imparare a risolvere problemi di matematica o a leggere.

La mancanza di controllo posturale può essere riconducibile a diverse cause:

  • semplice mancanza di movimento e di esercizi volti a rinforzare la muscolatura
  • Disprassia dello Sviluppo
  • Riflessi primitivi non integrati: ad es. il Riflesso Tonico Labirintico e il Riflesso Tonico Simmetrico del collo
  • Disturbo di processazione a livello vestibolare e propriocettivo: il sistema vestibolare è responsabile delle reazioni posturali (movimenti posturali di fondo, co-contrazione...) e di equilibrio (attraverso costanti scambi di informazioni con il cervelletto). Un flusso continuo di impulsi provenienti dai nuclei vestibolari contribuisce a generare il tono muscolare, specialmente nei muscoli che ci tengono in posizione eretta. Se il sistema vestibolare produce un tono muscolare adeguato, non dobbiamo concentrarci sull’attrazione gravitazionale e, quello con la gravità, costituisce un rapporto di cui siamo inconsapevoli. Un sistema vestibolare disorganizzato, invece, genererà un basso tono muscolare. Per questo motivo i bambini che non elaborano correttamente gli stimoli vestibolari si stancano facilmente e hanno difficoltà a tenere la testa dritta e il busto eretto mentre stanno seduti al banco.

 

Segni clinici comunemente associati a deficit posturali riscontrabili in bambini con disfunzioni a livello vestibolare  e propriocettivo sono:

  • Incapacità ad assumere o mantenere l’estensione prona (la cosiddetta posizione di “superman”)

  • Difficoltà a flettere il collo durante la flessione supina

  • Basso tono dei muscoli estensori

  • Scarsa stabilità delle articolazioni prossimali

  • Deficit dei movimenti posturali di fondo

  • Scarso equilibrio

 

 
SEGNI INDICATIVI DI UN DEFICIT NEL CONTROLLO POSTURALE OSSERVABILI IN CLASSE

 

MANCANZA DI ATTENZIONE

 

Uno dei primi segni riscontrabili in un bambino con debolezza dei muscoli del core è la difficoltà nel mantenere l’attenzione. Dal momento, infatti, che il controllo posturale non avviene in modo  automatico, questi bambini dovranno cercare di focalizzare la loro attenzione sul cercare di star seduti al banco con la schiena eretta. Questo crea un “ingorgo” a livello delle funzioni cerebrali superiori e questi soggetti sono costantemente forzati a cercare di focalizzarsi contemporaneamente sullo svolgimento di compiti differenti: stare seduto, ascoltare l’insegnante, leggere, scrivere ecc…fino a raggiungere una condizione di “burn out”, di affaticamento tale per cui il loro sistema nervoso si trova letteralmente di fronte ad una scelta: focalizzarsi sul compito di matematica o cadere dalla sedia.

 

MANCANZA DI MOTIVAZIONE

 

Questo continuo sforzo mentale, naturalmente, determinerà una mancanza di motivazione. Compiti di facile esecuzione si trasformano, infatti, in ostacoli insormontabili. Questo può far apparire questi bambini pigri e svogliati. Sono bambini che spesso vediamo adagiati sul banco o con la testa frequentemente appoggiata sulla mano per sorreggerla o che assumono posizioni inappropriate al computer o mentre guardano la Tv. Questa mancanza di motivazione può avere notevoli ripercussioni in ambito scolastico.

La  Dott.ssa Jean Ayres affermava che un ruolo fondamentale quando si lavora seduti al banco o alla scrivania , viene svolto dai “movimenti posturali di fondo”, contrazioni muscolari automatiche che mantegono il corpo in equilibrio su due piedi mantenendo l’allineamento fra la testa e il corpo, adattano la posizione di braccia e gambe quando, ad es., vogliamo spingere o tirare qualcosa, stabilizzano varie parti del corpo, come ad es. il cingolo scapolare quando la mano cerca di raggiungere un oggetto distante. I movimenti posturali di fondo richiedono un’integrazione di stimoli vestibolari e propriocettivi e sono fondamentali quando si lavora seduti al banco o alla scrivania. Infatti un segno di frequente riscontro in bambini con problemi di apprendimento, è rappresentato da un anomalo movimento del busto quando devono girare la testa o muovere le braccia per scrivere su un foglio. Quando poi il bambino sposta il suo corpo sulla sedia, può cadere e, se l’insegnante cerca di aiutarlo ad assumere una posizione corretta, può osservare che il suo corpo  sembra pesante o rigido. Ciò è dovuto al fatto che le aree del tronco cerebrale deputate al controllo dei movimenti posturali di fondo non ricevono messaggi vestibolari e propriocettivi sufficientemente organizzati e integrati.

 

MANCANZA DI COORDINAZIONE

 

I movimenti delle braccia e delle gambe sono supportati dai muscoli del core, per cui una debolezza di quest’ultimo si ripercuote anche sulla coordinazione ,determinando movimenti non coordinati delle estremità, con conseguenti manifestazioni come goffaggine, difficoltà di scrittura (disgrafia) o irrequietezza e agitazione.

 

MANCANZA DI EQUILIBRIO

 

L’equilibrio è correlato alla coordinazione. E’ quello che accade in un bambino che cade dalla sedia mentre cerca di focalizzarsi sul compito che gli è stato assegnato in classe. Questa mancanza di equilibrio può essere riconducibile ad un sistema vestibolare disorganizzato che non genera un tono muscolare adeguato e ad una deficitaria interazione tra sistema vestibolare e cervelletto. Se i nuclei vestibolari e il cervelletto, infatti, non processano correttamente gli input provenienti da muscoli e articolazioni il bambino avrà difficoltà nel mantenere l’equilibrio. Se il bambino non ha consapevolezza della posizione della testa e del corpo nello spazio, può inciampare spesso e i suoi muscoli del “core” non forniranno il supporto necessario.

 

ATTIVITA’ PER MIGLIORARE IL CONTROLLO POSTURALE

 

Diverse attività, eseguibili anche a casa, possono favorire il miglioramento del controllo posturale,ad esempio:

  • La Posizione di Superman: è uno degli esercizi più indicati per far assumere al bambino una posizione prona,posizione fondamentale per lo sviluppo grosso-motorio, che favorisce l’acquisizione della consapevolezza corporea, della pianificazione motoria, dello sviluppo oculare e favorisce inoltre la stabilizzazione del cingolo scapolare, di fondamentale importanza per l’esecuzione di attività che coinvolgono la motricità fine (ad es. la scrittura). Questa posizione aiuta il bambino a rinforzare i muscoli della parte bassa della schiena e favorisce il controllo posturale in classe, in modo che egli non sia tentato di adagiarsi sul banco invece che concentrare la sua attenzione sull’insegnante. Questo esercizio può essere eseguito anche su una “gymn ball”
  • La “Camminata del Granchio“: un esercizio importante per il controllo posturale, che risulta generalmente gradito ai bambini. Poichè  sono costretti ad usare le braccia e le gambe per sorreggere il tronco, questo esercizio fornisce il supporto necessario per star seduti eretti sulla sedia
  • La Carriola: la carriola può essere un pò faticosa, ma è un esercizio completo per tutto il corpo. Rinforza braccia, gambe, addome e schiena e consente alle estremità di lavorare insieme simultaneamente
  •  Esercizi di flessione supina

         

  •  Giochi di movimento per migliorare l’equilibrio, come ad esempio, proni su un’altalena o uno “scooter board” cercando di raggiungere oggetti

 

 
Qualunque sia la causa determinante il deficit posturale, il bambino con debolezza dei muscoli del “core” può beneficiare di esercizi che rafforzino questi muscoli. Fondamentali  sono, dunque, una valutazione e un intervento precoci al fine di limitare le importanti ripercussioni sull’apprendimento.

 

Erika Certosino

 

Richiedi informazioni

Potrebbero interessarti

tiptoes
17 Giugno 2017

TOE WALKING (CAMMINATA IN PUNTA DI PIEDI)

E’ molto comune vedere bambini piccoli che camminano in punta di piedi, fino all’età di tre anni. Ma ci sono bambini che continuano a mantenere questa tendenza anche sopra i 5 anni. Questo comportamento può essere la spia di un’errata processazione di stimoli sensoriali a livello cerebrale. Il “Toe...

child-care-worker-624742_1920
4 Giugno 2019

Quando un bambino piange, ignora gli “esperti” NON le lacrime

PREMESSA DI ROSSANA GIORGI Traduco volentieri, sempre su autorizzazione dell’autore, questo breve articolo (clicca qui per l’originale), viste le ultime e frequenti domande (oltre che affermazioni) ai miei corsi di certificazione sul modello DIR. Premettendo che “ignorare” non è l’unica strategia delle terapie comportamentali (anticipo già i commenti 🙂...

time out 2
13 Novembre 2019

I TIME-OUT FUNZIONANO? È TEMPO DI RIFORMULARE LA DOMANDA

Traduzione a cura di Erika Certosino Articolo originale di Mona Delahooke, Ph.D, consultabile al link sottostante: Do Time-Outs Work? It’s Time to Reframe the Question   I time-out rappresentano una strategia efficace nell’aiutare i genitori a gestire i problemi comportamentali dei loro figli? Prima di studiare lo sviluppo del...